martedì 8 gennaio 2013

Sensori a tenda o barrierine a stilo?


Ciao , leggo spesso il tuo blog per cercare chiarimenti e consigli per cercare il miglior antifurto da consigliare a parenti e amici , oggi che devo scegliere per casa mia non so decidere .
Ho rilevato una casa in costruzione in campagna su un terreno molto grande e su tre livelli , non volendo inserire grate o inferriate alle porte e alle finestre pensavo a quale combinazione di antifurto inserire o consiglieresti
Tra i vari installatori contattati e secondo quanto letto nel tuo blog pensavo di inserire telecamere interne e esterne quelle notte è giorno rilevatori volumetrici interni , doppia sirene esterna e poi su tutte le finestre e balconi non so se inserire i sensori a tenda o quelle barriere ” a stilo ” sui lati .
Tutto dovrebbe essere gestito da un sistema demotico Ticino e poi quali dei due sistemi tenda o stilo posso inserire anche restando in casa se sono al piano superiore o tipo in estate se ho qualche finestra parzialmente aperta
Grazie , attendo tua risposta
- Raffaele

Buongiorno Raffaele

Da un punto di vista operativo e funzionale non ci sono differenze tra i sensori con lente a tenda e le barrierine a stilo: entrambe i tipi coprono in modo radente e possono essere inseriti in modalità parzializzata, quindi anche quando sei in casa. La differenza sta nella tipologia di installazione e quindi devi scegliere quella che meglio si adatta: se vuoi tenere la finestra aperta e l’impianto acceso, forse le barrierine a stilo, che vengono installate all’esterno dell’infisso, sono più adatte - a condizione che la finestra non apra verso l’esterno interrompendo i fasci infrarosso.

In generale per un’installazione come quella che hai descritto, credo che le barrierine siano una soluzione migliore: prevengono lo scasso dell’infisso e sono affidabili anche con la finestra aperta; devi valutare in termini di costo (se hai molte finestre), visto che la casa è su 3 livelli.